Dalla partnership tra i due brand nascono una nuova Gran Turismo Bespoke e due inediti orologi della collezione Crazy Hours.

L’amore per l’alta orologeria e quello per le quattro ruote si incontrano nella partnership nata tra Franck Muller e Rolls-Royce Motor Cars Geneva, un accordo dal quale nasceranno diverse sorprese pensate per lasciare a bocca aperta gli appassionati. Alla fine del 2020 arriverà infatti una speciale vettura nata dalla collaborazione dei due brand: il modello di base sarà la Wraith Black Badge, ultimo modello Gran Turismo della casa automobilistica britannica, declinata nella versione Bespoke Crazy Numers con colori, dettagli e interni ispirati al mondo delle lancette Franck Muller. Gli appassionati di orologi, invece, potranno mettere le mani su due speciali modelli che andranno ad arricchire la collezione Crazy Hours.
Una serie che da anni affascina gli esperti grazie al delicato equilibrio tra le conoscenze tecniche all’avanguardia della maison e uno spirito creativo, irriverente, e che ora rende omaggio alle auto da corsa grazie al quadrante che richiama già nelle scelte cromatiche (il blu e il nero dominano la scena) il mondo Rolls-Royce. Due le diverse declinazioni: la prima si presenta con quadrante nero e cassa blu, accompagnata da cinturino in pelle nera, la seconda inverte invece la combinazione e opta per quadrante blu, cassa nera e cinturino in coccodrillo blu. I numeri, come da tradizione della collezione Crazy Hours, si susseguono in una sequenza bizzarra ma ormai famigliare a chi conosce bene Franck Muller.


A muovere entrambi gli orologi è un nuovo meccanismo brevettato Crazy Hours a carica automatica, con riserva di 42 ore e che offre un originale sistema di lettura dell’ora: la lancetta centrale delle ore salta letteralmente da un numero all’altro tra quelli disposti in posizione anomala sul quadrante, mentre la lancetta dei minuti segue un più canonico giro orario. Due modelli originali e che faranno la fortuna degli amanti delle lancette e dell’alta velocità, il primo passo di una collaborazione, quella tra Franck Muller e Rolls-Royce, che promette ancora tante sorprese.