La maison lancia due nuovi orologi con un comune denominatore: il celebre Calibro 101, capace di conquistare persino la regina Elisabetta.

Il Calibro 101 è ancora al centro dell’orologeria Jaeger-LeCoultre, che presenta due nuovi modelli, entrambi caratterizzati dalla presenza dell’iconico movimento, capace di rivoluzionare il mondo delle lancette femminili. Dimensioni minime e forma baguette hanno garantito negli anni la massima libertà di espressione dal punto di vista estetico ai designer della maison, oltre a conquistare il polso di personaggi famosi in ogni angolo del mondo. Rari segnatempo che hanno catturato, per esempio, le attenzioni della Regina Elisabetta II, che ne indossò una in occasione della sua incoronazione nell’ormai lontano 1953.(photo watchonista.com)

Un mito che torna di stretta attualità grazie al lancio di due nuovi segnatempo con diamanti incastonati per i quali il team Jaeger-LeCoultre ha adottato un vero approccio gioielliero, disegnando prima le forme dei bracciali e lo stile dell’incastonatura delle gemme, e integrando successivamente le casse e i movimenti nei design. Il primo dei due modelli, lo Snowdrop, è ispirato al bucaneve ed è caratterizzato da un cerchio di diamanti taglio poire che racchiude il quadrante come a formare una corolla, mentre onde di diamanti ricalcano il motivo a petalo lungo tutto il bracciale. La struttura di quest’ultimo è supportata da due fasce d’oro, ognuna delle quali presenta dei preziosi con incastonatura a grani.

L’orologio Bangle di Jaeger-LeCoultre è espressione, invece, di una femminilità più audace, ispirata alla delicata geometria dell’Art Déco e alle forme decise del modernismo del XX secolo. Il bracciale è tempestato di 996 diamanti con dimensioni graduate per enfatizzare le curve del design. Gli artigiani hanno unito le tecniche dell’incastonatura a griffe (144 diamanti) e a grani (852 diamanti) per enfatizzare l’effetto tridimensionale dei diamanti e ottimizzare il gioco di luci. Il bracciale è sostenuto da fasce d’oro che corrono lungo i lati e non richiede l’uso di una fibbia, aprendosi delicatamente con un semplice scatto da entrambi i lati. All’interno degli orologi, come anticipato, l’ultima incarnazione del Calibro 101, con bilanciere che oscilla alla frequenza di 3 Hertz e mola che offre una riserva di carica di 33 ore. A causa delle dimensioni estremamente ridotte, ogni componente deve essere realizzato su misura e appositamente regolato, permettendo così di realizzare solo pochi esemplari ogni anno.