Citizen lancia il suo orologio connesso: un modello che pensa da smartphone, ma si ricarica ad energia solare

Un nome, Citizen, scelto per incarnare una missione ben precisa, mettere la propria tecnologia all’avanguardia al servizio del cittadino comune. E un’intuizione importante, quella di dar vita al fenomeno Eco-Drive, l’orologio a celle solari a carica infinita, lanciando così un accessorio multifunzione che non necessita di cambio batteria. Oggi l’azienda nipponica torna sul mercato e alza ulteriormente l’asticella, cercando di regalare ai propri clienti un oggetto che unisca la bellezza di un orologio di lusso e la praticità di uno smartphone. Nasce così la collezione estiva Bluetooth Watch, con due modelli (BZ1020-14L e BZ1020-14E, il primo in blu e il secondo in nero) che permettono di rimanere costantemente connessi e ricevere informazioni direttamente al proprio polso.

Basta installare l’apposita app per collegare il proprio telefonino all’orologio ed ecco aprirsi un nuovo mondo: la possibilità di regolare automaticamente l’ora per sintonizzarla con quella di 316 città sparse per il mondo, innanzitutto. E delle notifiche, sotto forma di suono, vibrazione o movimento delle lancette, che segnalano l’arrivo di chiamate, email o messaggi. Ma, soprattutto, l’immancabile tecnologia Eco-Drive, marchio di fabbrica dell’azienda e che consente di generare energia da luci naturali o artificiali, comprese le situazioni di penombra. Una ricarica completa garantirà autonomia per ben 4 anni, così da eliminare qualsiasi tipo di preoccupazione a riguardo.

Entrambi i modelli sono in acciaio inossidabile, con cassa rotonda da 48 millimetri e una resistenza all’acqua che arriva fino a 100 metri di profondità. Il quadrante offre la possibilità di seguire due differenti orari, mentre dei pratici indicatori tengono aggiornati sulla luminosità e sull’autonomia residua. A completare il quadro il calibro W770, il vetro in cristallo zaffiro e il cinturino in poliuretano.