La maison organizza la tredicesima Panerai Classic Yatchts Challenge e lancia due innovativi orologi per l’occasione

Una piccolo bottega di riparazioni sul Ponte delle Grazie, nel cuore di Firenze. Aperta nel 1860 da un uomo, Giovanni Panerai, che forse nemmeno immaginava il successo che avrebbe incontrato negli anni a venire la sua intuizione, un’impresa che sarebbe divenuta concessionaria delle più importanti marche svizzere di orologi, su tutti la Rolex, per poi legare indissolubilmente la propria storia a quella della Regia Marina del Regno d’Italia. Un connubio, quello tra preziosi segnatempo e la voglia di solcare il mare aperto, che resiste ancora oggi, con Officine Panerai a organizzare per il tredicesimo anno consecutivo la prestigiosa Panerai Classic Yachts Challenge, competizione internazionale che si pone come punto di riferimento assoluto per gli amanti delle barche a vela d’epoca e classiche e che ogni anno vede affrontarsi lungo le tappe del percorso agguerriti equipaggi pronti a tutto per salire sul gradino più alto del podio.

Un viaggio che quest’anno ha avuto il suo inizio ad Antibes, in Francia, e che vedrà la sua conclusione a largo di Cannes alla fine di settembre con l’ormai celebre Regates Royales, appuntamento finale che deve il suo nome al gran numero di teste coronate pronte a salpare per darsi battaglia tra le onde. Come festeggiare, allora, una partnership che dura ormai da 13 anni e che ogni anno richiama le attenzioni degli appassionati da tutto il mondo? Lanciando una linea di orologi esclusiva per l’occasione, con i due nuovi Luminor 1950 PCYC 3 Days Chrono Flyback Automatic (PAM00653 e PAM00654) che richiamano il mondo della vela grazie a un matrimonio tra tecnica, design e piccoli dettagli molto ricercati  come l’incisione del profilo di un elegante scafo d’epoca sul fondello, sotto la scritta Panerai Classic Yachts Challenge. A sottolineare la sportività dei modelli c’è poi la funzione chrono flyback del calibro automatico di manifattura P.9100: il pulsante a ore otto attiva l’azzeramento istantaneo delle lancette cronografiche e le aziona poi di nuovo senza che sia prima necessario fermarle, agendo sul pulsante di stop e reset posto a ore dieci.

Il PAM00654 ha il quadrante avorio con indici beige e dettagli blu ed è arricchito da un cinturino in pelle marrone, mentre il PAM00653 vanta un quadrante nero con cifre beige e un cinturino in pelle marrone. Le lancette di minuti e secondi sono posizionate al centro e colorate in maniera diversa per assicurare una lettura più semplice. Si respira di nuovo la brezza marina, invece, nella scala tachimetrica espressa in nodi stampata sulla cornice tra il quadrante e il vetro, per misurare la velocità media della barca su una determinata distanza.

La cassa dei nuovi Luminor 1950 PCYC 3 Days Chrono Flyback Automatic è di 44 mm ed è realizzata in acciaio inossidabile. Molto ricercato nei dettagli anche il movimento cronografico a carica automatica P.9100, sviluppato e realizzato nella Manifattura di Alta Orologeria Officine Panerai di Neuchâtel. Il calibro è composto da 302 componenti e misura 13 3⁄4 linee di diametro e 8,15 mm di spessore.