A più di vent’anni dal suo lancio, la casa romana riporta in auge il suo celebre modello in alluminio e caucciù tanto amato dal jet-set di tutto il mondo.

Era il 1998 quando Bulgari lanciava la collezione Alluminium, sorprendendo gli appassionati con una serie realizzata a partire da materiali inediti e fuori dai canoni: modelli casual e innovativi in cui alluminio e caucciù si accostavano a una combinazione grafica in bianco e nero creando contrapposizioni inaspettate, apparentemente fuori contesto e destinate però a grande successo proprio grazie alla loro irriverenza. Una fama tale da spingere Alitalia ad adottare i colori degli orologi per la livrea del Boeign 747 e che oggi trova nuova linfa grazie al lancio di quella che si candida ad essere la nuova icona entry-leve del brand: il nuovo Bulgari Aluminium. Nonostante gli oltre vent’anni alle spalle, il nuovo Aluminium conferma la sua forte vocazione di orologio di design, migliorando allo stesso tempo il comfort al polso grazie a delle alette rimodellate che si adattano alle nuove dimensioni della cassa da 40 mm, con retro in titanio trattato in Dlc. Il vecchio movimento meccatronico al quarzo è stato sostituito con uno a carica automatica con datario e riserva di carica di 42 ore. Un’evoluzione resa possibile dalla manifattura Bulgari, che ha anche reso l’alluminio più resistente e perfezionato le caratteristiche tecniche del caucciù.Sportivo e unisex, il nuovo Aluminium è chiuso da un bracciale in caucciù con giunture e fibbia ad ardiglione in alluminio ed è disponibile in tre diverse declinazioni: con quadrante nero e grigio, entrambe in vendita al prezzo di 2.950 euro, o in versione Cronograph con movimento meccanico a carica automatica con cronografo e datario calibro B130. Il costo di quest’ultima è di 4.250 euro.