Gli studenti del Politecnico di Milano in un progetto del Gruppo Festina per immaginare le lancette che verranno.

Le nuove generazioni, i loro gusti, le loro esigenze. La passione dei millennials per il mondo delle lancette, le funzioni che si aspettano di trovare in un accessorio una volta messo al polso. Domande alle quali hanno provato a rispondere gli studenti del Politecnico di Milano affiancati da Lotus, brand di orologi e gioielli del Gruppo Festina che mette da tempo i giovani al centro dei propri progetti, cercando di rimanere sempre al passo con le ultime tendenze.

“Creativity is convergence: la nuova famiglia di orologi Lotus” di Lorenzo Maffei

“Idee in movimento: il futuro che verrà“, progetto sviluppato all’interno del corso “Licensing and Brand Extension” del professor Marco Turinetto, è così diventato lo strumento perfetto per avvicinarsi al mondo dei millenials, che a partire da due orologi (uno per gli uomini e l’altro femminile) hanno sviluppato quello che ai loro occhi è “il segnatempo di nuova generazione” per eccellenza, confrontandosi durante il percorso anche con coetanei di formazione diversa per approfondire aspetti di design e comunicazione.

“Element: Nature is the new cool” di Tommaso Lombardi

I progetti realizzati dai singoli studenti al termine del corso sono stati poi valutati con attenzione e i più meritevoli hanno ricevuto premi dal direttore generale del Gruppo Festina Italia, Paolo Galimberti. I vincitori sono stati “Element: Nature is the new cool” di Tommaso Lombardi, “Creativity is convergence: la nuova famiglia di orologi Lotus” di Lorenzo Maffei e “Decostruire la progettazione e trasformare il prototipo in design” di Daniele Cabrini. Colpita dal lavoro dei partecipanti, la maison sta ora ragionando sull’opportunità di lanciare davvero sul mercato uno di questi prototipi.

“Decostruire la progettazione e trasformare il prototipo in design” di Daniele Cabrini