Con il nuovo Royal Oak Calendario Perpetuo Extra-Piatto Automatico la maison batte ancora una volta i suoi record.

Un movimento complesso, il calendario perpetuo, riprogettato per essere integrato in una cassa ultrasottile (6,3 mm di spessore) perfetta per essere indossata sotto il polsino della camicia. Con il nuovo Royal Oak Calendario Perpetuo Extra-Piatto Automatico (ref. 26586IP.OO.1240IP.01) Audemars Piguet alza ancora l’asticella, tagliando un altro prestigioso traguardo tecnologico. Per ottenere il movimento extra-piatto (2,89 mm), la maison ha lavorato sulla funzione unendo tutte le sue componenti in un unico livello: la camma di fine mese è stata integrata nella ruota della data, mentre quella dei mesi nella ruota dei mesi.Anche il quadrante ha subito un totale restyling rispetto agli orologi precedenti, così da garantire una maggiore leggibilità: i contatori di giorno, data e mese sono stati ingranditi, mentre l’indicazione di giorno/notte posizionata a ore 8 è stata aggiunta simmetricamente a quella dell’anno bisestile a ore 4. Il Royal Oak Calendario Perpetuo Extra-Piatto Automatico, evoluzione dell’iniziale prototipo RD#2 in platino 950 presentato da Audemars Piguet al SIHH 2018, si inserisce così naturalmente nella storia di una casa che ha sempre fatto della miniaturizzazione uno dei suoi punti di forza, una costante ricerca della sottigliezza in bilico tra la tradizione dell’orologeria e la vocazione pionieristica.Realizzato in due diversi metalli, platino e titanio, il modello è caratterizzato dal fondello in vetro zaffiro con trattamento antiriflesso ed è impermeabile fino a 20 metri di profondità. Il quadrante, satinato blu come i contatori, è abbinato ad indici applicati e lancette Royal Oak in oro bianco con rivestimento luminescente. Il bracciale è in titanio satinato con maglie intermedie in platino lucido e chiusura pieghevole AP in titanio.