La maison presenta a Baselworld diciotto nuovi orologi, tra i quali spicca l’Alarm Travel Time 5520P.

Tante novità, ben 18, per arricchire quasi tutte le collezioni della maison. Da Grandi Complicazioni a Calatrava passando per Nautilus, AquanautTwenty~4, Patek Philippe conferma il suo ruolo di protagonista della fiera di Basilea con modelli dall’inconfondibile design ed dai grandi contenuti tecnologici.  Nella serie Calatrava ecco, ad esempio, la referenza 5212A, la prima a montare la nuova funzione settimanale che va a completare così quella del calendario. Ma a colpire gli appassionati è soprattutto l’Alarm Travel Time 5520P.A caratterizzare il modello è un’inedita complicazione a carica automatica che combina il sistema di visualizzazione di un secondo fuso orario tipico della serie Time Travel, nata per soddisfare le esigenze di chi ama viaggiare, con un meccanismo di sveglia su 24 ore. Per realizzare il proprio obbiettivo, la maison ha appositamente sviluppato un nuovo movimento integrato, con tanto di deposito di quattro brevetti. L’orologio degli avventurieri per definizione si presenta così con cassa in platino da 42.2 mm e fondo in cristallo zaffiro, impermeabile fino a 30 metri di profondità. Il quadrante è in tonalità nero ebano, mentre gli indici in oro hanno un rivestimento luminescente per una corretta lettura dell’orario in ogni situazione. All’interno è custodito il movimento Calibro AL 30-660 S C FUS.Una serie di finestrelle permette la visualizzazione dell’orario della sveglia, dell’indicazione on/off della stessa e dell’alternanza giorno/notte. Come i suoi predecessori, l‘Alarm Travel Time 5520P permette di tenere sotto controllo due fusi orari, quello locale e quello della località di partenza. Ad accompagnare l’orologio, un cinturino in pelle di vitello nera.