La maison lancia l’Excalibur 36 Skeleton Flying Tourbillon, arricchito da un calibro minuscolo ma molto prezioso.

L’espressione “sesso debole” per indicare le donne sta ormai fortunatamente sparendo dai vocabolari. Un processo che nel mondo delle lancette è stato accelerato da Roger Dubuis, consapevole del fatto che calibri tecnici e audaci non siano più, ormai da tempo, a solo appannaggio degli uomini. Una maison che da 25 anni si rivolge all’altra metà del cielo, proponendo modelli originali, ricercati, alla moda pur non distanziandosi dall’universo dell’Alta Orologeria. Tenendo bene a mente che ogni donna è unica e cerca, al momento di scegliere un segnatempo da indossare al polso, qualcosa che la rappresenti pienamente.Un percorso che ha portato Roger Dubuis a lanciare Excalibur 36 Skeleton Flying Tourbillon, nato grazie al lavoro dei laboratori di Ricerca e Sviluppo dell’azienda che per due anni si sono dedicati alla miniaturizzazione del tourbillon singolo, conservandone leggerezza e proporzioni. Un impegno che ha portato al lancio del calibro RD510SQ certificato Poinçon de Genève, appositamente ideato per i polsi più minuti. Creato a partire da una piattaforma iconica del marchio, è scheletrato e impreziosito da un tourbillon volante miniaturizzato, arricchito dalla presenza di 17 rubini.A carica manuale e con riserva di 60 ore, il calibro RD510SQ è stato pensato da Roger Dubuis per poter essere alloggiato nella cassa da 36 mm d’oro rosa 18 carati dell’Excalibur 36 Skeleton Flying Tourbillon, con lunetta rivestita di diamanti e quadrante scheletrato d’oro rosa. Impermeabile fino a 50 metri di profondità, il modello non è prodotto in edizione limitata ed è accompagnato da cinturino in alligatore grigio chiuso da una fibbia pieghevole d’oro rosa.